Menu Home

Monologo tra le righe

Cosa possiedo, mi sai rispondere, non mi riferisco a proprietà, oggetti, mi segui?
Mi chiedevo se tutto quello che ci circonda è realmente nostro.
Ti sembro pazza, lo vedo nei tuoi occhi, non limitarti a respirare, ti chiedo di vedere diversamente dalla tua abitudine.
Pensandoci l’unica cosa che possediamo è la memoria, è strano possedere immagini e suoni vissuti per te? Eppure, sono nostri, non possono essere rubati o cancellati.
Ah, dimenticavo, possiedo te, no che sciocchezza, come potrei definirti una cosa mia, non sei una cosa, sei una parte d’infinito che contribuirà alla memoria, alla storia o alle storie che verranno narrate.
Siamo come inchiostro in questa vita, alla fine penso che
si possiede ciò che non si vede, per assurdo e mai per errore rimane in noi e dopo di noi per sempre.

Consuelo Accornero

Categorie:On the road

Tagged as:

Consuelo Accornero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: