La strana meccanica del cuore

È strano come passa il tempo,
tra il ticchettio dei ricordi
che richiamano emozioni.
Tra dettagli confusi
una sensazione immobile,
un’intensità che si fa nodo.
Vorrei non provare più niente.
Vorrei rinchiudermi in uno spazio
dove nelle vene scorre solo poesia.
Nessuno mi aveva mai fatta sentire 
così fuori posto come te…
Ma tu ci sei riuscito…
Mi sono sentita chiusa fuori
lontano da uno spazio protetto
con emozioni e perché in bilico.
Tra pezzi rotti e frammenti di cuore
credo ancora nell’amore
ma conservo le ferite
che formano cumuli d’esperienza.
Cerco di proteggere un cuore
che vuole crederci
ancora e ancora…

C.Accornero